La terminologia del Wushu, grazie ai continui riferimenti culturali, iconici ed artistici non è solamente per una oggettiva descrizione del movimento e delle tecniche, cioè non è una sorta di “formula chimica” che esprime le parti di una reazione, ma sviluppa e descrive alcune precise caratteristiche performative ed espressive che sussumono ogni movimento, ogni tecnica, ogni metodo.

Wushu1

Dall’analisi della terminologia del Wushu si possono identificare tre caratteristiche principali:

precisione o puntualità: descrizione precisa della struttura del movimento, per il quale solitamente non vi è nomenclatura alternativa, se non in un contesto di terminologia locale, regionale o specifica dei singoli centri di pratica

essenzialità o riassuntività: si usano parole e termini essenziali per spiegare bene e con precisione ogni caratteristica principale del movimento. Questo aspetto deriva dalle caratteristiche della lingua cinese, di cui la terminologia del Wushu è ovviamente sottoinsieme, un linguaggio settoriale, così come il Wushu stesso è parte del patrimonio del popolo e della cultura cinese

wushu2

facilità o semplicità: la terminologia del Wushu moderno sportivo si è formata ed è stata scelta in modo efficiente, per risultare facilmente comprensibile e ricordabile, così da aiutare il processo di assimilazione delle forme e delle sequenze di movimenti dei vari e numerosissimi metodi delle arti marziali cinesi

Mecc.Pro
Meccanica di Precisione
Spadaccini
Abbigliamento Militare e Paramilitare
acquaspinning.jpgbase nuoto sincro copia4.jpgbase-sc-nuoto-copia5.jpgbase-sc-nuoto-young-copia4.jpgbase-triathlon-copia15.jpg
coni_1.jpgfin.jpgscuola-federale.jpeg